298 Views

9 Aprile 2024
Coldiretti Siena presente al Brennero, scoperta anche uva indiana e cosce di maiale danesi

Anche una delegazione di Coldiretti Siena presente oggi al Brennero per la maxi manifestazione di Coldiretti a difesa del Made in Italy. Obiettivo fermare l'invasione di cibo straniero spacciato per italiano. Oltre 4 mila gli agricoltori che hanno deciso di scendere in piazza in prima persona per tutelare il proprio lavoro e soprattutto i consumatori.

Tra i prodotti del “fake in italy” scoperti al Brennero ci sono cosce di maiale danesi dirette a Modena che rischiano di diventare prosciutti italiani, frutta sudafricana proveniente dalla Moldavia con direzione Sicilia, preparati industriali a base di uova fatti in Polonia e attesi a Verona e addirittura uva indiana spedita a Novara.

“Queste scoperte ci preoccupano molto – afferma Luigi Sardone, Presidente di Coldiretti Siena – pensiamo ai nostri prodotti, alle nostre eccellenze, al nostro vino e ai nostri allevatori. Dobbiamo tutelarci e impedire che accadono cose del genere nel nostro territorio”.

Una mobilitazione per dire stop all’invasione di cibo straniero spesso venduto come nazionale, con l’avvio di una grande raccolta di firme per una proposta di legge europea di iniziativa popolare che porti a estendere l’indicazione dell’origine in etichetta su tutti i prodotti in commercio nell’Unione Europea.

Dinanzi all’invasione di prodotti stranieri che mettono a rischio la salute dei cittadini e il futuro dell’agroalimentare tricolore Coldiretti chiede anche maggiori controlli per bloccare le truffe a tavola. Basti pensare ai recenti casi di patate straniere vendute come italiane o dei falsi carciofi brindisini di provenienza africana, o dell’olio di semi venduto ai ristoranti romani come extravergine.

Sul posto anche la presidente regionale, Letizia Cesani. “E’ da qui che rilanciamo la nostra battaglia sulla trasparenza dell'origine in etichetta che è un diritto dei cittadini europei – ha dichiarato - Chiediamo sia una priorità della nuova Commissione Ue e del nuovo Parlamento dopo le elezioni europee. Noi non abbiamo paura della trasparenza”.

 

 

 

 

Quando acquisti un prodotto alimentare leggi l’etichetta?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi